Kennel

Del Regno di Simba

Pulizia piedini e taglio unghie, questo è un lavoro necessario affinché il vostro cane o cucciolo che sia può camminare bene senza il rischi di scivolare in casa. Il procedimento è uguale anche per i cuccioli soltanto che ci vuole molta più attenzione, in quanto il cucciolo può fare movimenti.

Le cinque regole

Cucciolo e bambino: 5 regole di pulizia, protezione, sicurezza, guida, al vero e proprio membro della famiglia. 

La relazione che si instaura tra un bambino e il suo cane è una delle più belle esperienze dell'esistenza. La presenza di un animale domestico costituisce uno stimolo importante per la crescita affettiva e psicologica di un bambino, perché diventa un compagno di giochi insostituibile e può rappresentare un'occasione preziosa per imparare a gestire sentimenti e sensazioni, prendere coscienza del mondo reale. Occorre tuttavia fissare delle regole ben precise perché la relazione sia profuiga per entrambi e perché il cucciolo sia rispettato come merita. Scopriamolo insieme.

1. Sorveglianza costante: l'adulto deve sempre sorvegliare gli incontri tra bambini piccoli e cuccioli, perché il bambino a volte senza rendersi conto può far male all'animale determinandone una azione anche aggressiva a volte il cane può interpretare come un attacco o una minaccia i movimenti scoordinati del piccolo e può reagire di conseguenza. Bisogna far capire al bambino che il cucciolo non è un giocattolo e non gli si può fare di tutto, ma è un essere sensibile e può provare sentimenti come la rabbia, la tristezza, la gioia e anche sensazioni come il piacere, il dolore e il fastidio. Quindi è raccomandato tenere sotto controllo i bambini al di sotto dei sei anni perché possono crearsi situazioni pericolose. 

2.Suddivisione degli spazi 

Per garantire un rapporto sano tra cuccioli e bambino è importante stabilire una suddivisione degli spazi. Il motivo? Se è piacevole condividere alcuni momenti, è anche giusto avere la possibilità di trovare un po di spazio per sé. Come il bambino ha la sua cameretta con i propri giochi, così il cucciolo deve poter contare sui propri giocattoli, sulla propria cuccia e sulle proprie ciotole per la pappa e per l'acqua. Il bambino deve imparare a rispettare i spazi del cucciolo e non invaderli, tanto meno disturbarlo mentre riposa o mentre mangia sottrargli la ciotola mente mangia, non tutti i cuccioli reagiscono docilmente a questo tipo interferenze, alcuni si arrabbiano e soprattutto, provano stress. 

3.Lavarsi le mani 

È importante insegnare ai bambini a lavarsi le mani, soprattutto dopo aver toccato il cucciolo, aver manipolato la sua pappa o aver toccato la sua cuccia. 

4. Trattamenti antiparassitari

Il controllo delle pulci e delle zecche del cane va fatto periodicamente :  questi parassiti possono portare a malattie che possono essere anche trasmessi all'uomo. Dunque è opportuno prevenire infestazioni di pulci e zecche: il mercato offre molte linee di trattamenti antiparassitari come le pipette spot-on, gli spray e collari antipulci (sconsiglio collari per questa razza inquanto rovina il pelo, inoltre se si hanno bambini piccoli, è meglio non far indossare al cane un collare antipulci, perché i bambini, manipolando, potrebbe poi entrare in contatto con le sostanze chimiche in esso contenute.) Per questo motivo occorre prendere in considerazione la protezione antiparassitaria da Beaphar, che ha messo a punto una linea completa a protezione naturale che impiega solo essenze di oli vegetali e si rivela davvero molto efficace contro le minacce esterne, oltre a risultare delicata sul mantello e sulla cute del cane. 

5. Igiene della casa 

Come è importante curare l'igiene propria e dell'animale, così è fondamentale occuparsi dell'igiene della casa: se si vive in un ambiente sporco sia persona che animali hanno maggior probabilità di con trarre malattie. Il cane uscendo ed entrando spesso porta facilmente con le sue zampe sporcizia dentro l'abilitazione: se i bambini sono abituati a camminare scalzi o a sedersi per terra, diventa assolutamente necessario detergere i pavimenti. È consigliabile pulire e disinfettare periodicamente le superfici di casa con prodotti specifi, meglio se a base naturale, per non irritare la cute dei bambini e per non determinare allergie nel cane. 

 

 

Per un approccio corretto all'alimentazione

Per una corretta educazione e una sana crescita del cucciolo, è necessario rispettare alcune regole base nella gestione dei pasti. Le regole fondamentali da seguire sono tre: regolarità dei pasti; digeribilità e appetibilità degli alimenti; completezza dell’apporto nutrizionale in base alle caratteristiche specifiche di età, peso e razza.Il posto in cui mangia il cucciolo deve essere facilmente accessibile e tranquillo. Una volta scelto il luogo, i pasti dovranno sempre essere somministrati lì. Per evitare stress, disagio e consolidare le buone abitudini, il cucciolo dovrà mangiare sempre agli stessi orari, per tre/quattro volte al giorno fino ai 4 mesi. Durante i primi 3 mesi, per facilitare la masticazione, la razione alimentare può essere leggermente inumidita. Dai 5 mesi fino all’età adulta il cucciolo mangerà due volte al giorno, la mattina e alla sera. Ai fini di una migliore socializzazione con la sua famiglia umana, può essere consigliabile insegnare da subito al cucciolo che può ricevere il pasto da tutti i membri della famiglia. Alla fine del pasto, la ciotola del cibo dovrà essere sempre lavata e ritirata.L’acqua, un elemento fondamentale.Accanto alla ciotola del cibo, non deve mancare mai una ciotola d’acqua fresca e pulita, cambiata frequentemente e sempre a disposizione. L’acqua corrente è l’ideale.Come variare la dieta.L’alimentazione deve essere sempre completa e regolare. Qualsiasi variazione va effettuata gradualmente, soprattutto se si passa da una marca all'altra o dal cibo in scatola a quello secco. L’approccio ideale consiste nell'aumentare progressivamente le dosi di cibo nuovo, riducendo in proporzione quelle del vecchio. È importante evitare di dare al cucciolo ossa (in particolare di pollo e coniglio), avanzi di cucina, alimenti per gatti o spuntini tra un pasto e l'altro; soprattutto, bisogna assolutamente evitare la cioccolata perché contiene teobromina, una sostanza chimica tossica per i cani.Sensibilità alimentare e digeribilità degli alimenti.La sensibilità alimentare è la terza malattia più comune nei cani. Oltre a disturbi della pelle e del pelo, può provocare anche gravi affezioni gastriche e intestinali. I cani sensibili spesso traggono beneficio da alimenti privi di alcuni ingredienti che facilmente scatenano reazioni avverse al cibo. Nel caso del cucciolo sensibile, la questione è ancora più delicata perché le formule nutritive devono essere appetibili e idonee alla crescita, ma allo stesso tempo integrare fonti proteiche “a prova di sensibilità”.